Guida alla Vaccinazione contro il COVID-19 per la Comunità SLA

Arrivano le raccomandazioni del Consiglio Consultivo Nazionale sull’Immunizzazione (NACI – National Advisory Council on Immunization) Canadese che rivestono carattere generale.

Come membro della comunità SLA, cosa dovresti sapere del vaccino anti COVID-19?

Il vaccino è sicuro?

  • I vaccini Moderna, Pfizer-BioNTech e Astra Zeneca (*) forniscono una protezione in caso di esposizione al COVID-19.
  • Gli effetti collaterali noti dei vaccini approvati contro il COVID- 19 sono simili a quelli del vaccino contro l’influenza annuale e comprendono dolori muscolari nel punto dell’iniezione, stanchezza, febbre, dolore generalizzato e mal di testa.
  • Attualmente non sono disponibili dati sulla sicurezza o l’efficacia dei vaccini anti COVID-19 nella popolazione dei malati SLA, tuttavia è nostra opinione corrente che i vantaggi derivanti dalla vaccinazione a protezione contro l’infezione da COVID-19 possano probabilmente superare i potenziali rischi ed effetti collaterali.
  • Ai soggetti con anamnesi nota di gravi reazioni allergiche a componenti del vaccino anti COVID-19 si raccomanda di riferirsi al proprio medico curante per le indicazioni del caso.

I pazienti con SLA dovrebbero essere considerati una categoria vulnerabile?

  • Il Consiglio Consultivo Nazionale sull’Immunizzazione (NACI – National Advisory Council on Immunization) raccomanda che i soggetti ad alto rischio di patologie o esiti più gravi dovrebbero essere considerati una categoria chiave cui somministrare le prime dosi disponibili dei vaccini anti COVID-19. E’ nostra opinione professionale che i pazienti con SLA debbano rientrare in tale categoria.
  • I pazienti con SLA sono considerati a maggior rischio di esiti più gravi se esposti a COVID-19 a causa della progressiva debolezza dei muscoli respiratori o bulbari, che genera difficoltà respiratorie, ridotto riflesso della tosse e scarsa liberazione delle vie aeree.

Dovrei farmi somministrare il vaccino?

  • I pazienti con SLA e i loro caregiver sono incoraggiati a sottoporsi a vaccino anti COVID-19 appena disponibile, dopo aver consultato il proprio medico.
  • Non prevediamo che i vaccini anti COVID-19 avranno effetti collaterali diversi o più gravi nei pazienti con SLA, tuttavia tale opinione non è suffragata da trial clinici.

Quando e dove posso farmi fare il vaccino?

  • Le categorie vulnerabili con condizioni preesistenti, come i pazienti con SLA, meritano protezione immediata.
  • Sebbene le indicazioni su chi riceverà il vaccino anti COVID-19 in ciascuna fase della campagna sono disposte a livello regionale, Aisla sta monitorando il territorio e sollecitando le istituzioni affinché le persone con SLA abbiano la priorità nella somministrazione dei vaccini.
  • Riconoscendo che i pazienti con SLA affrontano maggiori sfide in termini di mobilità e accessibilità, e possono essere costretti a casa, gli esperti SLA sostengono la somministrazione del vaccino a domicilio quando possibile.

Aggiornamento del 11/03/2021

link correlati:

Piemonte. Vaccinazioni: dal 15 marzo preadesioni per ultra70enni, estremamente vulnerabili, caregiver, disabili gravi

Regione Puglia: aggiornamento calendario vaccinale

AGGIORNAMENTI REGIONE PER REGIONE DALL’OSSERVATORIO MALATTIE RARE: https://www.osservatoriomalattierare.it/news/attualita/17148-vaccino-covid-19-tutte-le-informazioni-dedicate-a-malati-rari-persone-con-disabilita-e-caregiver

Risorse Generali

https://www.aifa.gov.it/-/aifa-sospensione-precauzionale-del-vaccino-astrazeneca