“MY VOICE”, dal NeMO di Milano una app per conservare la propria voce

Si scarica sul cellulare o sul tablet. Ed è una sorta di “banca del tempo”, per permettere ai malati di Sla sia di registrare parole utili – come caldo, freddo, fame, sonno – sia, soprattutto, di conservare frasi da dire ai propri cari.

Un “vocabolario” preparato in anticipo, per quando il paziente non sarà più in grado di parlare. Le registrazioni verranno scaricate su un comunicatore che il malato potrà poi utilizzare anche solo attraverso il movimento degli occhi. L’applicazione è stata messa a punto nei laboratorio del centro Nemo dell’ospedale Niguarda, all’avanguardia nelle soluzioni per affrontare le malattie neurodegenerative. “La perdita della voce è una conseguenza della patologia cui non si pensa all’inizio – spiega Alberto Fontana, presidente del Nemo – perché ci si concentra su altro, sui problemi della mobilità o della respirazione. Ma incide molto sulla qualità della vita. È per questo che ci siamo inventati questa app che si chiama My Voice”. “Sono messaggi in bottiglia, ricordi da tenere in cassaforte”, dice poi Alberto Spada, il primo a usare l’applicazione: ne è diventato testimonial, protagonista di un video realizzato dall’agenzia McCann, arrivato fino al Festival internazionale della creatività di Cannes.

Fonte: Repubblica.it

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi