Grazie Maestro, buon viaggio

AISLA si unisce al diffuso dolore per la perdita di Ezio Bosso, splendida anima oltre che uomo di grandissimo talento.

Nel 2011, dopo un intervento per l’asportazione di un tumore, era stato colpito da una malattia neurodegenerativa inizialmente diagnosticata come SLA, rivelatasi poi una patologia diversa nonostante la corrispondenza di molti sintomi.

Oggi vogliamo ricordarlo condividendo un suo pensiero: «La disabilità è negli occhi di chi guarda, perché il talento è talento e le persone sono persone, con le ruote o senza»

Grazie Maestro, buon viaggio.