Approvato alla Camera l’anticipazione del 5×1000 del 2018 e 2019

Gli atti impegnano il Governo ad anticipare ad aprile 2020 l’erogazione della quota del 5×1000

Accolti alla Camera due ordini del giorno al Cura Italia che sollecitano il governo a fare sforzi maggiori in sostegno del Terzo Settore. Con 6 milioni di volontari, oltre 800mila occupati e un valore economico pari al 4% del Pil, il Terzo Settore si dimostra strategico per l’economia e per la tenuta sociale del Paese. Ma la crisi del coronavirus lo sta mettendo a dura prova. Per non lasciare indietro nessuno, tanti volontari e operatori stanno continuando con grande responsabilità a dare aiuto e assistenza ai cittadini più fragili e in difficoltà. Per questo è necessario rafforzare le misure in sostegno del Terzo Settore previste dal decreto Cura Italia.

Con l’ordine del giorno a firma, Stefano Lepri, Carnevali, Bonomo, Quartapelle, Procopio, Campana, Rizzo Nervo, Siani e altri si raccomanda quindi al governo di sbloccare i pagamenti delle quote del 5 per mille anticipare quanto prima l’erogazione della quote del relative agli anni 2018 e 2019. Nella medesima giornata è stato approvato anche un ordine del giorno a firma Maria Teresa Bellucci (Fratelli d’Italia), che impegna il Governo ad emanare il Decreto del Presidente del Consiglio di riforma del 5 per mille, garantendo l’immediata erogazione agli enti del Terzo Settore delle risorse devolute dai contribuenti (5xmille) relative all’anno fiscale 2018 e 2019.

Continua a leggere l’articolo su VITA.IT

Leggi anche

11 maggio 2020 – Decreto Rilancio Italia e Terzo settore. Alla vigilia del CdM vediamo cosa si prevede

Leggi l’articolo di Riccardo Bonacina su VITA qui