Metodo Brainstorm: aggiornamento sperimentazione

Alla luce della conclusione dell’arruolamento di fase III nei 6 centri negli Stati Uniti, che aveva l’obiettivo di valutare l’efficacia del metodo “Brainstorm”, si è svolta oggi la riunione scientifica di aggiornamento tra AISLA e  l’azienda BrainStorm Cellular Therapeutics (Israele).

La sperimentazione si basa sulla somministrazione intratecale ripetuta di cellule mesenchimali modificate, in accordo alla tecnica denominata NurOwn®, affinché rilascino determinati fattori protettivi per i motoneuroni. Le cellule staminali mesenchimali sono raccolte attraverso un prelievo di midollo osseo dal paziente stesso; l’ipotesi è che queste cellule agiscano rilasciando fattori protettivi in grado di favorire la sopravvivenza dei neuroni ed in questo modo siano capaci di rallentare la progressione della malattia alleviandone i sintomi.

I passaggi successivi saranno stringenti: appena ultimata l’analisi dei risultati sui 200 pazienti con SLA che sono stati trattati, sarà data immediata comunicazione alla American Academy of Neurology, all’Encals e, naturalmente, alle autorità preposte (FDA e EMA).

Per poter davvero capire se il trattamento funziona e determinare la migliore strategia di intervento per i pazienti, è necessario attendere il completamento della sperimentazione.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi