Brindisi

Contatti

Referente: Maria Rosaria Passaro
Cell. 349-6900475
e-mail m.rosaria67@alice.it

Per sostenere i progetti del territorio

AISLA ONLUS – SEDE BRINDISI
Monte dei Paschi, IBAN IT76B0103079190000063266111

 

La sede di Brindisi nasce nel 2008 per volontà di Maria Rosaria Passaro, volontaria che si dedica alla comunità sla del territorio con una reperibilità continua e costante.

Nel corso degli anni la sede è un diventata un punto di riferimento per le famiglie SLA, prendendosi in carico il malato e, ove possibile, i componenti della famiglia, cercando di dare le risposte ai bisogni più urgenti, analizzando le reali esigenze e rispondendo con le soluzioni più indicate attraverso i servizi più adeguati presenti sul territorio.

Con l’obiettivo di colmare la mancanza di punti di riferimento e di interlocutori preparati alla malattia, AISLA Brindisi ha attivato tutte le risorse disponibili costruendo, negli anni, ottimi e proficui rapporti di collaborazione con le istituzioni e con le altre associazioni presenti sul territorio pugliese.

In perfetta sinergia con le altre referenti di AISLA Puglia, la sede di Brindisi partecipa a diversi tavoli tecnici istituzionali; il primo dei quali “Organizzazione della rete assistenziale per la SLA” Bollettino Ufficiale Regione Puglia n. 128/2008. Da ricordare, inoltre, l’incontro del 20.06.2008 con il governatore Nichi Vendola e gli Assessori alla Salute e alle Politiche Sociali per individuare le modalità di supporto assistenziale e socio sanitario Bollettino Ufficiale n. 32 del 26.02.2009.

Numerosi, se non a volte quotidiani, gli incontri con i direttori di distretto e con i responsabili dell’ADI (Assistenza Domiciliare Integrata) per affrontare le situazioni e le criticità dei pazienti ad alta complessità.

L’impegno di tutti gli attori coinvolti ha dato vita alla formulazione del progetto per la realizzazione della rete aziendale finalizzata alla presa in carico globale dei pazienti affetti da sla e altre malattie neurodegenerative tramite Delibera n.741 del 23.04.2013.

Dalla collaborazione con le istituzioni è nato il progetto “Qualify-care” grazie al quale è attivo un centro di ascolto “sportello per le famiglie”.

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi