Aisla Firenze, inaugurato Punto di Ascolto e Accoglienza per il territorio del Mugello, Alto Mugello e Val di Sieve

Giornata importante, lo scorso sabato 22  settembre, per la sezione Aisla di Firenze che a Borgo San Lorenzo (FI) ha inaugurato presso Villa Pecori Giraldi il nuovo Punto di Ascolto e Accoglienza per il territorio del Mugello, Alto Mugello

e Val di Sieve. Presenti diverse autorità tra le quali l’assessore alla Salute della Regione Toscana, Stefania Saccardi, ed il presidente nazionale di Aisla Onlus Massimo Mauro.

Come spiegato da Barbara Gonella, presidente della Sezione Aisla Firenze, la prossima apertura del Punto di Ascolto e Accoglienza in collaborazione con Studio Auxilium nasce dall’esigenza delle persone con SLA e delle loro famiglie di essere accolti, ascoltati e supportati.

La presidente di Aisla Firenze, Barbara Gonella, scopre la targa del nuovo Punto di Ascolto ed Accoglienza per le persone con Sla e le loro famiglie

Alle circa 60 famiglie conosciute e seguite da Aisla Firenze in cui è presente una persona con Sla, Auxilium offrirà servizi di qualità ed adeguati alle singole necessità. In tale ambito è previsto anche uno spazio di ascolto: “Il Punto d’ Ascolto ed Accoglienza è destinato ai pazienti e familiari che vivono nel territorio Mugellano e della Val di Sieve che hanno difficoltà a spostarsi per raggiungere a Firenze la sede operativa di AISLA o partecipare al Gruppo d’Aiuto mensile – ha spiegato Barbara Gonella, presidente di Aisla Firenze – Per tutti gli altri malati del territorio fiorentino ed empolese l’ascolto e l’accoglienza sono sempre garantiti sia attraverso il contatto telefonico con la sezione AISLA Firenze, sia presso la nostra sede operativa fiorentina sia con visite domiciliari frequenti da parte mia e della consigliera Marcucci , oltre che con tutti i progetti di aiuto attivati”.

La collaborazione si propone come esempio di integrazione e lavoro in rete tra realtà private, servizi pubblici e realtà no profit per soddisfare bisogni ben conosciuti anche da Stefano Chivetti, presidente dello Studio Auxilium, che ha sperimentato con il suo team cosa significhi prendersi cura delle persone con SLA, scegliendo di essere al fianco di Aisla Firenze.

L’apertura sul territorio del nuovo Punto di Ascolto e Accoglienza è stato salutata con soddisfazione dal presidente nazionale di Aisla Massimo Mauro: “Per una persona con Sla, che non può contare su alcuna terapia definitiva, la qualità dell’assistenza è fondamentale – ha sottolineato Mauro – Ecco perchè tale iniziativa  è motivo di orgoglio per tutta AISLA”.

Dal canto suo l’assessore al Diritto alla Salute, Welfare e Integrazione socio-sanitaria di Regione Toscana, Stefania Saccardi,  ha confermato l’impegno della Regione Toscana nei confronti delle persone con Sla, esplicitato nell’integrazione degli ambiti sociale e sanitario, in un assegno di cura puntualmente erogato e nell’imminente attivazione di un PDTA SLA progettato insieme ad Aisla. Iniziative che contribuiscono ad una riforma del sistema socio-sanitario regionale, che potrebbe prendere ulteriore slancio anche dall’ipotesi di un’apertura di un nuovo Centro Clinico NeMO anche in Toscana, come proposto dal presidente Mauro.

Il post su facebook dell'assessore regionale Saccardi

Il post su facebook dell’assessore regionale Saccardi

 

Alla cerimonia sono intervenuti anche Paolo Ombroni, sindaco di Borgo San Lorenzo, Paolo Zoppi, Direttore di Dipartimento Assistenza Infermieristica ed Ostetrica dell’USL Centro Toscana che ha sottolineato l’importanza della presenza sul territorio di infermieri che garantiscano una presa in carico personalizzata e continuativa e Danilo Massai, presidente dell’Ordine degli Infermieri di Firenze e Pistoia, il quale si è congratulato con AISLA Firenze e con lo Studio Auxilium per aver valorizzato la figura dell’infermiere.

La consegna dell’assegno da 5.000 euro ad Aisla Firenze da parte del Banco Fiorentino del Mugello per l’acquisto di un emogasanalizzatore portatile

Le buone notizie della giornata non sono finite qui perchè, proprio in occasione dell’inaugurazione del Punto di Ascolto e Accoglienza, il Presidente del Banco Fiorentino del Mugello Paolo Raffini ha consegnato ad Aisla Firenze una donazione di 5.000€ destinata all’acquisto di un emogasanalizzatore portatile. Lo strumento verrà dato in dotazione al personale infermieristico che, in occasione delle visite domiciliari, potrà così rilevare oltre ai valori di ossigeno anche quelli dell’anidride carbonica, utili per valutare più accuratamente i parametri respiratori dei malati seguiti dalla sezione fiorentina di Aisla.

 

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie. maggiori informazioni

Questo sito fa uso di cookie per facilitare la tua navigazione. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta questa pagina.

Chiudendo questo avviso o continuando la navigazione sul portale acconsenti all'uso dei cookie.

Chiudi